Facebook Pixel: cos’è, come funziona e perché devi conoscerlo

Facebook non è più solo un social: ha cambiato sociologicamente il nostro modo di relazionarci, ha profondamente rivoluzionato il mondo della comunicazione ed è diventato un benchmark di marketing. Oggi vogliamo concentrarci su uno strumento molto, molto, molto utile per i social media manager (e in generale per tutti coloro che hanno a che fare con il mondo dei social media): il pixel. Capiamo insieme funzionalità, possibilità e utilizzo.

Facebook Pixel: definizione

Se vi occupate di Facebook e in particolare delle Facebook ADS il Pixel è il vostro migliore amico. Tecnicamente è una stringa di codice da inserire all’interno del sito, praticamente invece è lo Strumento (sì, lo strumento con la S maiuscola) che fa la differenza tra fare campagne adv amatoriali e campagne adv professionali. Ad oggi è l’unico mezzo che permette di creare annunci mirati e profilati e, di conseguenza, ottimizzare il denaro investito.

Un Pixel, diverse funzioni

Vediamo nello specifico tutte le funzionalità del Facebook Pixel:
Remarketing. Permette di indirizzare una campagna a tutti coloro che hanno visitato il sito (anche solamente determinate pagine), la pagina Facebook, e il profilo Instagram. In poche parole permette di “colpire” un target “caldo”, che già conosce l’azienda ed è pronto a ricevere notizie. È esattamente l’opposto del principio che regola la pubblicità in televisione: sul piccolo schermo gli annunci pubblicitari raggiungono tutti, a prescindere dal fatto che l’interlocutore sia effettivamente interessato al messaggio o meno. Con Facebook Pixel, invece si va sul sicuro.
Ottimizzare le campagne per determinate azioni. Quando si crea una campagna con l’obiettivo conversioni sul sito si può scegliere in base a quale azione ottimizzare la campagna (acquisto, lead, visualizzazione pagina, etc.). Facebook cercherà di mostrare l’inserzione alle persone propense a compiere quella determinata azione.
Lookalike. Si può usare il Pixel anche per trovare nuovi clienti simili alle persone che hanno vitato il sito. Quello che in gergo viene chiamato pubblico Lookalike.
Monitorare le conversioni. Alla lista dei “perché installare il Pixel” aggiungiamo che questo frammento di Javascript permette di monitorare le campagne e capire quali azioni compiono gli utenti.

Mai più senza Facebook Pixel

Come abbiamo visto il Facebok Pixel permette di creare annunci mirati e profilati, è un potente alleato per indirizzare le proprie campagne pubblicitarie a un target che ci sta aspettando. E non finisce qui: offre la possibilità di monitorare le azioni degli utenti, testare la campagna, capire eventuali defit dell’annuncio e intercettare un pubblico simile al nostro target di riferimento. Si capisce come le potenzialità siano infinite… Cosa aspettate? Installate i il vostro Pixel.

In caso di problemi, perplessità e dubbi… chiamate Cabiria!