Raccontare la psichiatria attraverso una telecamera

Oltre 200 persone, applausi e commozione. Questo quello che è successo sabato 9 e domenica 10 novembre per la presentazione di due cortometraggi realizzati dal laboratorio video Ferri Corti della Cooperativa Sociale Cabiria.

Il laboratorio è costituito da persone seguite dal Dipartimento di Salute Mentale di Parma, volontari della società civile ed educatori. Una vera e propria piccola casa di produzione cinematografica: chi si occupa della sceneggiatura, chi delle luci, chi del montaggio, chi della post produzione. Un lavoro complesso che viene affrontato con dedizione, passione e costanza.

I cortometraggi presentati sabato sono stati “Ozoloft” e “Voci a Domicilio”. Il primo, una rivisitazione del mago di Oz, è stato realizzato in assoluta autonomia dai ragazzi del laboratorio. Voci a Domicilio, invece, è stato realizzato grazie alla preziosa collaborazione con il regista romano Giovanni Piperno e lo sceneggiatore Pierpaolo Piciarelli. Come spiegano regista e sceneggiatore: “Voci a Domicilio è una commedia nella quale questi ragazzi hanno scelto di raccontare, in maniera ironica e con leggerezza, una malattia piuttosto seria, quella di chi sente le voci”. Entrambi i cortometraggi sono stati realizzati grazie alla collaborazione della Fondazione Cariparma.

Il laboratorio Ferri Corti nasce nel 2015, come appendice del gruppo AMA (Auto – Mutuo – Aiuto), con lo scopo di essere un’attività ricreativa, di riabilitazione e socializzazione. In questi cinque anni di attività sono diversi i progetti realizzati, come il cortometraggio “Biosfera Oltretorrente: un’evoluzione naturale dal 1870 al 1922”, “Scuola primaria Cocconi 1898/2017” e ancora “Appunti di Psichiatria”. Cortometraggi visibili sul canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCMflQ5Tq-_kOP1vvPWSrmxQ

Il laboratorio video, interamente autofinanziato dalla Cooperativa, si ritrova tutti i giovedì pomeriggio (in via Minozzi 10/A) ed è aperto a tutti coloro che vogliono mettersi alla prova, sperimentare e prendere parte a questo lavoro di squadra.

In questi trent’anni di attività, Cabiria ha dato vita ad altri progetti riabilitativi, come il laboratorio di cucito “Cuci Cuci”, il già citato gruppo Ama e il laboratorio Orto Social Club.

Cabiria è orgogliosa del successo dell’evento di sabato, il primo di un ricco calendario di iniziative in vista del 30esimo anniversario della Cooperativa nel 2020. Si ringraziano tutti coloro che hanno contribuito a questo progetto: Giovanni Piperno, Pierpaolo Piciarelli, il nostro staff, il Dipartimento di Salute Mentale di Parma, Fondazione Cariparma, l’Assessore Guerra e l’Assessora Paci, il sindaco Pizzarotti, la Fondazione Arturo Toscanini, il Cinema D’Azeglio, il Cinema Claudio Zambelli, l’Amministrazione del Comune di Boretto (RE), tutto il gruppo di Ferri Corti.