Chi è Cabiria

cabiria sociale   NOI DI CABIRIA SIAMO DEI CAPITALISTI UN PO’ BORDERLINE Cabiria è una delle più importanti “Imprese Sociali” dell’Emilia Romagna. Nasce sul finire degli anni ’80 col dichiarato scopo di vincere una scommessa: fornire servizi di qualità non solo, ma soprattutto, grazie all’apporto di persone cosiddette “svantaggiate”. Poco più di tre mesi di pensieri borderline (era proprio da “matti” operare nell’informatica, allora alle prime battute) e poi il via: il 14 settembre 1990 un manipolo di temerari del fare sociale si presenta dal notaio Dalla Tana di Parma, il quale legge, seduta stante, uno Statuto complicatissimo e lunghissimo, quasi svenevole, dal quale emergeva che Cabiria poteva fare di tutto nel mercato, tranne che lucrare. Insomma, un po’ di sano capitalismo alla rovescia, ma a fin di bene. Da quel giorno Cabiria lavora con aziende, industrie private e enti pubblici. Senza mai mancare di onorare un impegno. COOPERATIVA SOCIALE DEL FARE SOLIDALE Secondo la legislazione, Cabiria nasce come “Cooperativa Sociale a Responsabilità Limitata di tipo B”. Non che il tipo B fosse secondo a qualcuno, intendiamoci: era solo una questione di norme di settore. La produzione di merci e servizi avviene cioè in un contesto lavorativo “compartecipato”, dove la persona, quali che siano le sue condizioni, può trovare un posto adeguato. Il nostro obiettivo è stato duplice: essere impresa con un mercato e un fatturato positivo e, contemporaneamente, saper costruire percorsi di riabilitazione, di umanità e di dignità con tossicodipendenti, detenuti, invalidi, malati psichici e fisici. DALLA GRAFICA DEL PENSIERO AL RASTRELLO SUL CAMPO La comunicazione (web, centro stampa, grafica e advertising) è la nostra attività “storica”. Dal momento che non tutti i nostri soci apprezzavano tuttavia il lavoro d’ufficio, ci siamo ben presto aperti anche ad altre attività professionali dove la manualità o lo stare all’aria aperta erano importanti, come la manutenzione delle aree verdi, la raccolta differenziata della carta o la custodia di palestre, sempre in un ambiente di continua crescita individuale e collettiva. Ancor oggi siamo particolarmente attenti alle opportunità che offre il mercato, in modo da riuscire comunque a garantire un lavoro a quelle persone che, per storia e vissuti personali, hanno maggiore difficoltà a inserirsi in questo mondo, già di per sé complesso e competitivo. DAL LAVORO AL VIVERE INSIEME Dal 1999 ci siamo trasformati in una cooperativa “plurima” B/sub A, includendo nell’oggetto sociale lo svolgimento di servizi socio-assistenziali. Abbiamo iniziato quindi a gestire Progetti Riabilitativi individualizzati indirizzati alle persone seguite dal Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda AUSL di Parma. Cabiria si impegna a costruire percorsi riabilitativi personalizzati volti alla prevenzione, alla promozione della salute e all’individuazione, rimozione o contenimento di esiti degenerativi o invalidanti di patologie congenite o acquisite. Costruiamo una rete di rapporti e relazioni personali organizzando anche corsi di fotografia, disegno, Marketing, Internet e gruppi di Auto Mutuo Aiuto. VENTICINQUE ANNI SPESI BENE Cabiria si avvicina ormai ai suoi primi 25 anni di età. Abbiamo conosciuto tantissime prsone, in tanti si sono avvicinati al nostro modo di fare impresa nel mercato. Crediamo di aver dato  vita a un  progetto imprenditoriale unitario, dove il benessere, il miglioramento della qualità della vita, la creazione di un’alternativa alla marginalità e l’acquisizione di competenze lavorative sono la nostra vera “mission”. Forse per questo siamo sempre restati una cooperativa a dimensione “di famiglia”, lontano da tentazioni e da gigantsimi, esattamente il corrispettivo solidale di una PMI, una piccola e sana “industria” italiana.  
ORGANI SOCIALI
Presidente e Vice Presidente. Consiglio d’Amministrazione composto da 7 persone Soci n. 10 di cui 2 soci volontari  
DOTAZIONE ORGANICA
Nella attività di tipo b) sono impegnati: Dipendenti n. 21 di cui 13 svantaggiati (ex art. 4 L. 381/91) Collaboratori n. 3 Nella attività di tipo a) – socio assistenziale sono impegnati: Dipendenti n. 4 e Collaboratore n. 1